Rete internazionale migranti e rifugiati

Rete internazionale migranti e rifugiati

Data la rilevanza dell'attuale fenomeno migratorio e dopo aver fornito assistenza concreta in Sicilia, la UISG desidera portare il proprio impegno in questa zona a un altro livello e avviare una seconda fase di lavoro. Questa fase sarà più ampia e di maggior respiro internazionale e prevederà la creazione di un ufficio che si impegnerà a sollecitare riflessioni, preghiera e risposte concrete e articolate alla domanda: Cosa possiamo fare per rispondere a questa crisi? 

IDENTITA'

Come primo passo, la UISG ha voluto gradualmente sviluppare una rete internazionale, che mette in contatto tra loro le congregazioni impegnate a lavorare nel campo dell'assistenza ai migranti. Nei suoi tre anni di attività, questo ufficio internazionale ha:

 

  • Avviato la raccolta di informazioni e creato un data base per le Congregazioni che operano in questo settore, 
  • Sensibilizzato le congregazioni, così come la stampa, la società civile e le Ambasciate presso la Santa Sede. Inoltre, ha iniziato a collaborare con il Dicastero per lo Sviluppo Umano Integrale, con il JRS International (Servizio Internazionale dei Gesuiti per i rifugiati), il Centro Astalli e il SIMI. 
  • Organizzato workshop di formazione online e in presenza, aperti a tutte le Congregazioni. Inoltre, ha collaborato con il gruppo dei Promotori JPIC di UISG e USG.

 

La necessità di esaminare e ampliare i legami tra le Congregazioni che fanno parte della UISG, per valutare le iniziative in corso e coadiuvare chi già lavora nel settore dell’assistenza ai migranti, è ormai diventata evidente. Inoltre, la UISG desidera fortemente sostenere e mettere in contatto chi opera all’interno di questo ministero, sia tramite servizi diretti sia tramite iniziative di advocacy.

MISSIONE

Obiettivo di questa seconda fase è rispondere alle nuove sfide migratorie del ventunesimo secolo:

 

  1. Per creare una rete di sostegno a beneficio delle congregazioni religiose che lavorano in questo settore e per incoraggiare le congregazioni che vorrebbero iniziare a lavorare in questo ministero.
  2. Per sviluppare processi di riflessione sui fenomeni migratori e analizzare le implicazioni esistenti nel campo della formazione e della missione all'interno delle congregazioni religiose.
  3. Per sviluppare una spiritualità che ci permetta di lasciarci convertire dai migranti, dai rifugiati, dai richiedenti asilo e dai profughi.

CONTATTI

Sr. Carmen Elisa Bandeo, SSpS: rete.migranti@uisg.org

Comunità Lampedusa UISG

Comunità Intercongregazionale a Lampedusa

 

Sr Paola Giolo, Suore della Carità di S. Giovanna Antida Thouret (a sinistra)

Sr Inès Gizzarelli, Religiosa del Sacro Cuore di Maria (al centro)

Sr Maria Ausilia Consiglio, Figlie di Maria Ausiliatrice (a destra)

 

 

Progetto Migranti in Sicilia

 

La nostra comunità intercongregazionale a Lampedusa si occupa di accogliere i migranti che raggiungono le cose europee.

Dal 2015, un gruppo di suore di diverse congregazioni e paese hanno costituito comunità intercongregazionali con l'obiettivo di costruire ponti tra i migranti e la comunità locale.

 

La realtà ci mostra che non siamo più in una situazione di emergenza, ma sentiamo lo stesso il bisogno di essere presenti in un luogo di sofferenza.  Desideriamo anche accompagnare il popolo lampedusano e essere parte della vita della parrocchia.


La comunità, composta da tre sorelle, accoglie i migranti a loro arrivo sull'isola, accompagnate dall'autorità civile (Guardia Costiera). Le sorelle operano in nome della parrocchia e insieme alle ONG presenti sull'isola.

Per questo progetto, cerchiamo sempre sorelle che parlino inglese, arabo e italiano.
 

 

CONTATTO
Sr. Florence de la Villeon, RSCJ: sicily@uisg.org

Notizie correlate