24/11/2022

News

Sorelle in Terra Santa: oltre la COP27

Sorelle in Terra Santa: oltre la COP27

 

A seguito della Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici COP27, che si è svolta dal 6 al 18 novembre a Sharm El-Sheikh in Egitto, la UISG insieme a Sorelle, l’Advocacy Globale, ha organizzato un webinar intitolato "Sorelle in Terra Santa: oltre la COP27". 
L'evento si è svolto il 22 novembre e ha riunito più di 125 partecipanti, dando loro la possibilità di ascoltare in prima persona le testimonianze delle suore presenti alla Conferenza.
 

La prima relatrice, Sr. Claudine Dumbi, sorella di Notre Dame de Namur, ha parlato dell'impegno dei giovani e delle persone con disabilità provenienti dall'Africa durante la COP27. In merito alle conclusioni tratte dalla conferenza, ha detto: "Tutti sono consapevoli che il mondo deve agire, questa è un'emergenza. Ma, il problema, che ho riscontrato durante i negoziati era relativa al come fare. Tuttavia, vediamo che stiamo facendo dei progressi.”
 

Sr. Paola Moggi, suora missionaria comboniana, una delegata di Vivat alla COP27, considera il Summit come "un'altra opportunità perduta". A Sharm El-Sheikh, ha constatato infatti, che esistono due mondi: uno dei grandi affari, dove i profitti sono al centro di tutto, e un altro rappresentato dai membri della società civile che lavorano instancabilmente per attuare il cambiamento. "La mia più grande scoperta alla COP27 è stata quella di sperimentare l'importanza della spiritualità. E, per me, i veri eroi della spiritualità durante questo evento sono stati gli indigeni, ancora più le donne indigene, e la loro impressionante capacità di connettere il passato alle generazioni future.”

None

Sr. Durstyne Farnan, OP ha aperto la sua riflessione ringraziando per il sostegno offerto durante il Summit. "È necessario formalizzare l'istituzione del finanziamento delle perdite e dei danni come vero pilastro dell'azione per il clima. Tutte le modalità di tale finanziamento devono essere progettate in modo da non prolungare ulteriormente le ingiustizie, portare più perdite economiche e non e danni né aggiungere oneri ai paesi e alle comunità più vulnerabili che peggiorano le attuali questioni sistemiche", ha detto.

Sr. Ernestine Lalao, sorella della congregazione del Buon Pastore, ha partecipato alla COP27 come rappresentante della sua congregazione e del governo di Madagascar. 
"La mia esperienza alla COP27 è stata straordinaria. Ho percepito che tutti i presenti avevano una voce.", ha affermato. Ha anche descritto come sta assistendo agli effetti del cambiamento climatico nel suo paese, colpendo soprattutto donne e bambini e, a tal proposito ha detto: "Siamo tutti chiamati alla solidarietà e alla responsabilità, a partire da noi stessi."
 

Nelle parole conclusive, Sr. Sheila Kinsey, coordinatrice del Progetto UISG Seminando Speranza per il Pianeta, ha incoraggiato tutti a continuare l’azione per l'ambiente e a seguire la prossima Conferenza delle Nazioni Unite sulla biodiversità, COP15, che si terrà dal 7 al 19 dicembre 2022 a Montreal, in Canada.

 

Leggi la dichiarazione "Sorelle per l'ambiente: integrare le voci dai margini"

Notizie correlate

Related Projects and Commissions

Sorelle, l’advocacy globale

Scopri di piú

Sorelle, l’advocacy globale

Scopri di piú

Seminando speranza per il pianeta

Scopri di piú

Giustizia, Pace e Integrità del Creato

Scopri di piú